UNA CAREZZA ALLA MORTE (9 AGOSTO 1944)

19 ottobre 2020 di A.N.P.I. Biella Lascia un commento »

La Casa della Resistenza – con il patrocinio del Comune di Sala Biellese – ha il piacere di comunicare che dal 24 ottobre al 14 novembre 2020 nei locali di via Ottavio Rivetti 5 a Sala Biellese saranno esposti i dipinti del pittore Enzo Maio che compongono la mostra “Una carezza alla morte (9 agosto 1944)”, dedicata alla strage di 23 civili a Roasio di cui fu responsabile la polizia di sicurezza tedesca.

Presentata lo scorso anno a Roasio in occasione del 75° anniversario della strage, la mostra fonde un alto contenuto artistico con il dramma della storia: «Il profondo senso storico di Enzo Maio – scrive nel saggio introduttivo del catalogo della mostra Chiara Gatti, storica e critica dell’arte, specialista di scultura e di grafica moderne e contemporanee – denuncia, attraverso la pittura, la crudeltà dei fatti. Ma l’intensità lirica delle sue figure inghiottite dalla notte allunga una carezza alla morte, un tocco leggero della mano sulla fronte contratta delle vittime di tutte le guerre».

Conseguentemente alle disposizioni contenute nel DPCM 18/10/2020, al fine di evitare possibili assembramenti, la Casa della Resistenza – in accordo con il Comune di Sala Biellese – ha deciso di annullare l’inaugurazione della mostra “Una carezza alla morte (9 agosto 1944)” in programma sabato 24 ottobre alle ore 15:00

Non essendo state modificate le prescrizioni concernenti l’attività dei musei, la mostra sarà comunque visitabile nelle date e negli orari di seguito indicati:

Sabato 24/10 – 31/10 – 7/11 – 14/11 dalle 14:30 alle 17:30

Domenica 8/11 orario continuato 9:30 – 17:30

Le visite alla mostra si svolgeranno nel rispetto del regolamento in materia di prevenzione anti-contagio Covid19 applicato alla Casa della Resistenza: informazioni al numero 340 9687191 (anche sms – WhatsApp) o consultando il sito www.casadellaresistenzasalabiellese.it nella sezione “Covid19: modalità di accesso alla Casa della Resistenza”

Una carezza alla morte

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità