Archivio per ‘Mostre e spettacoli’ categoria

28 MAGGIO-4 GIUGNO 1944 UNA LUNGA SETTIMANA DI SANGUE: dal rastrellamento in Valle Elvo e Serra all’eccidio di piazza Q.Sella

26 maggio 2019

Vol4giugno1

28 Maggio – 4 Giugno 1944 UNA LUNGA SETTIMANA DI SANGUE: dal rastrellamento in Valle Elvo e Serra all’eccidio di piazza Q. Sella

 
In occasione del 75° anniversario dell’eccidio di piazza Martiri della Libertà, la Casa della Resistenza presenta sabato 25 Maggio 2019, a partire dalle ore 15:00 presso i locali di via Ottavio Rivetti 5 a Sala Biellese, la mostra fotografica documentale “28 Maggio – 4 giugno 1944 UNA LUNGA SETTIMANA DI SANGUE: dal rastrellamento in Valle Elvo e Serra all’eccidio di piazza Q. Sella” e l’omonimo video-documentario per la regia di Piergiorgio Clerici: documenti, fotografie e contributi filmati che ripercorrono le vicende storiche comprese tra il 28 maggio 1944, data di inizio del massiccio rastrellamento nazi-fascista in alta Valle Elvo e sulla Serra, e il 4 giugno 1944, giorno della fucilazione di ventuno partigiani in piazza Martiri della Libertà (all’epoca piazza Q. Sella), con particolare attenzione alla ricostruzione dei profili biografici dei Caduti.
 
La ricerca storica è stata condotta presso: archivio dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia; l’Archivio Centrale dello Stato; sezioni dell’Archivio di Stato di Avellino, Torino, Vercelli; Capitaneria di Porto di La Spezia; Centro documentale dell’Aeronautica (Orvieto); Bundesarchiv di Berlino; anagrafe storica e lo stato civile dei Comuni di Biella, Bollengo, Ivrea, Mercenasco, Nave (BS), Netro, Occhieppo Superiore, Pollone, Settimo Vittone, Sordevolo, Strambino, Torino, Torrazzo, Villarosa (EN). 
Contributi alla ricerca: Anna Roberti, presidente onorario dell’Associazione Russkij Mir di Torino; Raphael Rues, ricercatore e collaboratore dell’Associazione Casa della Resistenza di Verbania; Enzo Bertarelli; Paola Orlarei. 
I contributi fotografici provengono da: archivio fotografico della Casa della Resistenza di Sala Biellese; archivio fotografico dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia; archivio fotografico dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza; archivio Cesare Valerio (Fondazione Cassa di Risparmio di Biella); archivio del Centro di documentazione della Camera del lavoro di Biella; archivio personale di Raphael Rues.
Il video-documentario contiene le interviste ai partigiani Diego Prella e Elio Parlamento (realizzate dal prof. Alberto Zola nell’ a.s. 1995-1996 e gentilmente messe a disposizione) e Carlo Ganni “Gagno” (realizzata lo scorso febbraio), e le testimonianze audio di Sergio Boraine e Giuseppina Arposio.  
 
La mostra resterà esposta presso la Casa della Resistenza dal 25 maggio al 20 ottobre, con i seguenti orari:
 
dal 25 maggio al 29 giugno : sabato dalle 14:30 alle 17:30
dal 6 luglio al 20 ottobresabato dalle 15 alle 18 – domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18   
 
Info: 340 9687191 / museoresistenzasala@gmail.com
 
Casa della Resistenza
Via Ottavio Rivetti 5
Sala Biellese
 
 
 
 
 

Il Contratto della Montagna : Debutta FABBRICA di GUERRA

9 settembre 2014
  • Debutto venerdì 12 settembre, alle 19, con un’ospite speciale Wanda Canna: staffetta partigiana di Borgosesia, donna dal carattere forte e grande ironia, che racconterà alcuni aneddoti legati al periodo degli scioperi del 43 e 44, aprendo così le tre giornate teatrali di totale immersione nel Contratto della Montagna.
  • Sabato 13 settembre, alle 19, ospite Giorgio Lozia, miaglianese, ricercatore del gusto, scrittore di libri relativi alla tradizione culinaria biellese e alla Valle Cervo, in particolare. Per Fabbrica di guerra ripropone una lezione creata appositamente per noi sui cibi del periodo della guerra, raccogliendo piatti curiosi e le testimonianze di signore la cui età media è intorno ai 90 anni, Alba Albertazzi, Bianca Rosa Gremmo Zumaglini e Rosa di 104 anni.
  • Domenica 14 settembre, sempre alle 19, la Dott.ssa Elena Accati ci presenterà il suo libro: “Infanzia di guerra in Valle Cervo: un giardino di ricordi”. La sua testimonianza di bambina sfollata in quel periodo in Valle Cervo, è ricca di spunti e riflessioni e di testimonianze di altri protagonisti di un’epoca dolorosa. Il libro si snoda attraverso dodici capitoli. Ognuno di essi ha come filo conduttore una specie vegetale.

Debutta, dopo mesi di preparativi, un evento di teatro partecipato al Lanificio Botto di Miagliano. Più di 60 le persone coinvolte nella creazione di uno spettacolo ad ampio respiro che ha scelto come luogo di rappresentazione gli spazi infiniti di un opificio fermo da quasi 30 anni. Il Lanificio vuole essere emblema di tutte le fabbriche  del Biellese, che in qualche modo possono rivivere e,  soprattutto, vuole raccontare una storia del nostro passato per ancorarci al presente: Il Contratto della Montagna, accordo sindacale rivoluzionario avvenuto nel 1944 in pieno conflitto mondiale.

Il titolo dello spettacolo è FABBRICA DI GUERRA e vede il pubblico trasformarsi per una sera, tra stupore, finzione e divertimento in operaio dell’epoca proiettato in un mondo governato da misere condizioni di vita, dalla fame, l’ingiustizia, l’oppressione. E’ previsto dress code, ma nel caso in cui l’abbigliamento presentato alle costumiste non sia consono esse provvederanno a  fornire allo spettatore adeguato travestimento!

All’ingresso, con il biglietto da 15 euro, si riceve anche la TESSERA ANNONARIA che dà diritto alla razione di guerra e alla scelta di abiti (da restituire all’uscita)

ABBIGLIAMENTO CONSIGLIATO
Operaia/donna anni ’40

  • Gonna appena sotto il ginocchio, svasata o a pieghe (no gonne a tubo)
  • Camicetta maniche lunghe o corte, meglio se arricciate all’attaccatura, di cotone o maglina (in alternativa a gonna e camicetta vestito intero dalla stessa linea)
  • Eventuale golfino lunghezza vita, abbottonato davanti
  • Scarpe basse, con mezzo tacco comodo oppure di linea ortopedica (no scarpe da ginnastica)
  • Tessuti: tinta unita, fiorellini, righe, pois

Operaio/uomo anni ’40

  • Pantaloni comodi a vita alta di linea classica preferibilmente con pinces, di colori scuri
  • Camicia maniche lunghe o corte, tinta unita o a quadri poco appariscenti
  • Gilet di tessuto o maglia
  • Eventuale pullover scollo a V
  • Scarpe comode allacciate o scarponcini (no scarpe da ginnastica)

Idem per bambini e ragazzi, colori adeguati e pantaloncini per i maschietti o gonne per le femminucce.

Informazioni contrattodellamontagna@gmail.com

Prenota on line o passa dalle rivendite per acquistare il biglietto

http://www.contrattodellamontagna.com/#/prenotateatro

[Omissis] – Non dimenticare – A Cossato il 5 settembre alle ore 21

23 agosto 2014

omissis - non dimenticare

FABBRICA di GUERRA – labs 30-31 agosto

23 agosto 2014

Si terrà i prossimi 30 e 31 agosto la seconda sessione dei laboratori per FABBRICA di GUERRA.

Prenotatevi qui : http://www.contrattodellamontagna.com/#/prenotalaboratorio

Questi gli appuntamenti dettagliati :

I COSTUMI DI FABBRICA DI GUERRA
con Laura Rossi in collaborazione con altre realtà locali
il 30 agosto 2014 dalle 15 alle 18
Massimo 15 persone
L’obbiettivo è quello di ricreare l’atmosfera dell’epoca utilizzando semplici risorse, le basi del cucire e l’utilizzo del recupero e del riuso. Il Laboratorio prevede cenni di storia del costume, la moda negli anni di guerra, abiti da lavoro e divise militari, rudimenti di sartoria, ricerca storica e iconografica. Sono previste altre sezioni di laboratorio nei mesi di agosto/settembre. Abbigliamento dell’epoca. Storia del costume. Operai, industriali, partigiani, militari. Studio degli elementi distintivi. Ricerca e raccolta materiali, realizzazione di costumi originali.

I PERSONAGGI DI FABBRICA DI GUERRA
con Fabio Banfo e Manuela Tamietti
il 31 agosto 2014 dalle 14.30 alle 18.30
Laboratorio teatrale gratuito per formare comparse, animatori e attori di Fabbrica di guerra.
Studio dei personaggi: industriali, operai, uomini armati, partigiani, fascisti, nazisti.
Due registi per scoprire attraverso le testimonianze dell’epoca come si viveva, come si pensava, quali erano i sogni e le aspirazioni di un’epoca sconvolta dall’assenza di pace, cibo e libertà. Presentazione dei personaggi. Il Laboratorio prevede altri momenti di condivisione e di ricerca e la presenza di testimoni dell’epoca.


I CIBI DI FABBRICA DI GUERRA
con Giorgio Lozia
il 30 agosto 2014 dalle 10 alle 12
Laboratorio sull’alimentazione dell’epoca. Generi razionati: 200 g di pane al giorno, 400 g di carne al mese, 500 g di zucchero al mese…. La tessera annonaria. L’Araf.


laboratori 2° round

Laboratorio sull’alimentazione per lo spettacolo teatrale “Fabbrica di Guerra”

23 luglio 2014

Al ex lanificio Botto di Miagliano questo sabato il laboratorio sull’alimentazione per il debutto previsto per settembre

Continuano i lavori di allestimento dello spettacolo “Fabbrica di guerra” che debutterà a settembre, prodotto dall’associazione Storie di piazza e Amici della lana, il lavoro racconterà il contratto della Montagna alle soglie del 70° anniversario della liberazione. Il progetto di allestimento ha anche L’obiettivo di formare delle persone che parteciperanno attivamente alla preparazione dello spettacolo che verrà rappresentato a settembre all’interno della fabbrica stessa.

Per questo sabato, 26 luglio, è programmato il laboratorio sull’alimentazione dell’epoca.
Generi razionati: 200 g di pane al giorno, 400 g di carne al mese, 500 g di zucchero al mese…. La tessera annonaria. La Raf.

Orari dalle 10 alle 12.

Prenotazioni e approfondimenti su www.contrattodellamontagna.com

laboratori fabbrica di guerra

Iniziano i laboratori per lo spettacolo teatrale “Fabbrica di Guerra”

9 luglio 2014

Al ex lanificio Botto di Miagliano questo sabato il laboratorio costumistico per il debutto previsto per settembre

Iniziano i lavori di allestimento dello spettacolo “Fabbrica di guerra” che debutterà a settembre, prodotto dall’associazione Storie di piazza e Amici della lana, il lavoro racconterà il contratto della Montagna alle soglie del 70° anniversario della liberazione. Il progetto di allestimento ha anche L’obiettivo di formare delle persone che parteciperanno attivamente alla preparazione dello spettacolo che verrà rappresentato a settembre all’interno della fabbrica stessa.

Orari dalle 15 alle 18.

Prenotazioni e approfondimenti su www.contrattodellamontagna.com

laboratori fabbrica di guerra

TENERE ALTA LA FRONTE

20 gennaio 2014

TENERE ALTA LA FRONTE

GIORNO DELLA MEMORIA

20 gennaio 2014

GIORNO DELLA MEMORIA

Incontro con Chiara Saraceno

8 giugno 2012
L’ Anpi provinciale di BIELLA e l’associazione VocidiDONNE
vi invitano a partecipare all’incontro con la sociologa
Chiara SARACENO
che si terrà
Giovedì 21 Giugno 2012 dalle ore 18:30
La professoressa Saraceno parlerà del suo ultimo libro
CITTADINI A META’
Come hanno rubato i diritti agli Italiani
e affronterà il tema della DISUGUAGLIANZA delle risorse e delle condizioni materiali, culturali e sociali da cui i cittadini e le cittadine italiani/e partono per la costruzione della propria vita.

Perché…

…davanti alla legge — ma anche alla scuola, al lavoro, alla pensione, alla politica, alla nascita e alla morte, all’infanzia e alla vecchiaia — non siamo tutti uguali.
… In Italia i divari salariali tra uomini e donne sono più elevati che nella maggior parte dei Paesi europei, e le donne sono di fatto escluse dai ruoli di potere…
…Uno Stato che ha delegato il welfare alla solidarietà familiare e le scelte sui grandi temi della vita e della morte alla Chiesa cattolica, che non investe nei piccoli e non protegge i vecchi non autosufficienti, non riconosce le coppie di fatto e fatica a riconoscere diritti agli immigrati, è frutto di una democrazia debole e di una cultura politica e civile dove maschilismo, familismo e razzismo formano spesso una miscela esplosiva …
 
 
CHIARA SARACENO
è stata Professore ordinario di Sociologia della Famiglia presso la Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Torino e Professore di ricerca presso il Wissenschaftszentrum für Sozialforschung di Berlino. I suoi studi sono stati di enorme importanza per la sociologia della famiglia e del lavoro in Italia. La questione femminile è l’oggetto privilegiato delle sue analisi, assieme ai modi di formazione della famiglia, i rapporti tra le generazioni e i sistemi di welfare. Collabora con www.lavoce.info, con www.neodemos.it, con www.nelmerito.it e con il quotidiano La Repubblica.
 
 
L’associazione VocidiDONNE
è un gruppo di donne di età diverse che ha deciso di incontrarsi per dare voce ai pensieri, alle parole, alle storie, alla rabbia, al dolore, alla gioia, alla determinazione, alla voglia di lottare e di non arrendersi, alla voglia di giustizia. Nostra e di molte altre donne!
Se vuoi conoscere di più sulla nostra associazione contattaci:
vocididonne@gmail.com
393 2086556

Seconda Festa Partigiana

2 settembre 2011

La sezione Anpi Cossato Vallestrona organizza la

Seconda Festa Partigiana
Cossato – Località Battiana – via per Castelletto Cervo
Passeggiata sui sentieri della Resistenza
17 – 18 Settembre 2011

Per prenotare il Pranzo Partigiano telefonare a 015922135 / 3397737145

Partecipate numerosi!

Cliccando su IIa Festa Partigiana, sull’indirizzo (Cossato – …) e su Passeggiata … verranno visualizzati rispettivamente il programma della Festa, la mappa per raggiungere la località in cui si terrà ed il programma della Passeggiata sui sentieri della Resistenza di Sabato 17 pomeriggio che prevede testimonianze dirette di chi ha vissuto e lottato in quei luoghi per la libertà.