Archivio per ‘Comunicati’ categoria

MARTEDÌ 12 MARZO 2019 – PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ELIA ROSATI “CASAPOUND ITALIA: FASCISTI DEL TERZO MILLENNIO”

9 marzo 2019

Martedì 12 marzo 2019, alle ore 20:30, presso la Sala Consiliare “Maria Bonino”, sita nel Palazzo della Provincia di Biella in via Quintino Sella 12 (entrata da piazza Unità di Italia), il Comitato provinciale biellese A.N.P.I. e il Coordinamento Biella Antifascista presentano il libro “Casapound Italia: fascisti del terzo millennio”, del ricercatore Elia Rosati. Sarà presente l’autore.

Presentazione12Marzo

 

 

 

 

 

DOMENICA 10 MARZO 2019 – COMMEMORAZIONE DEL 74° ANNIVERSARIO DELL’ECCIDIO DI SALUSSOLA

9 marzo 2019

Salussola2019

“Le donne hanno scritto le pagine migliori di questo Paese”: il manifesto ANPI per l’8 marzo

4 marzo 2019

8 Marzo 2019

 

 

 

 

“PEOPLE – Prima le persone”

24 febbraio 2019

20 Febbraio 2019

 

 

 

 

 

“Scandaloso che Tria consideri non prioritario lo sgombero della sede abusiva di Casapound a Roma”

24 febbraio 2019

20 Febbraio 2019

 

 

 

20 FEBBRAIO 2019 – COMMEMORAZIONE DELL’ECCIDIO DI SANTA LIBERATA (MOSSO S. MARIA)

16 febbraio 2019

Il 21 Febbraio ricorre il 75° anniversario della fucilazione al Cimitero di Santa Liberata a Mosso di 7 giovani partigiani da parte dei militi fascisti del 63° Battaglione M “Tagliamento”, al comando del famigerato Merico Zuccari.

Il sacrificio dei 7 patrioti, Francesco Crestani, Palmino Camerlo, Corrado Lanza, Roberto Arrigoni, Antonio Gavasso, Frank Bowes e Harry Miller, ha contribuito alla sconfitta della dittatura fascista e degli occupanti tedeschi e dato il via alla costruzione della Repubblica democratica.

Frank Bowes, neozelandese, e Harry Miller, australiano, si erano aggregati ai partigiani per continuare la battaglia contro i nazi-fascisti, dopo la fuga da un campo di prigionia della pianura biellese.

Tutti noi abbiamo un debito di riconoscenza verso i 7 partigiani e verso tutti coloro che tra il 1943 e il 1945 hanno sacrificato la loro vita per la libertà.

Per questo in collaborazione con la scuola secondaria di primo grado di Mosso il Comune organizza la commemorazione  del 75° anniversario dell’eccidio.

Il programma prevede lo svolgimento di un corteo con partenza dal municipio alle ore 10 di Mercoledì 20 Febbraio, l’arrivo al monumento presso il cimitero, la commemorazione dei 7 martiri e degli eventi che portarono alla loro fucilazione, la posa di una corona d’alloro e l’esecuzione degli inni nazionali italiano, neozelandese e australiano da parte degli alunni della scuola secondaria di I grado di Mosso, guidati dal prof. Mattia Gamba.

Alla manifestazione oltre ai Sindaci, alle altre autorità civili e militari e alla cittadinanza sono stati invitati gli ambasciatori di Nuova Zelanda e Australia in Italia.

Programma:

  • Ore 10 ritrovo presso il municipio;
  • Corteo fino al cimitero
  • Commemorazione
  • Esecuzione degli inni nazionali da parte degli alunni della scuola secondaria di I grado di Mosso diretti dal prof. Mattia Gamba

 

lapide partigiani Mosso

 

 

 

 

O.d.G. sulla crisi in Venezuela

15 febbraio 2019

7 Febbraio 2019

 

 

 

 

“IL PREZZO DELLA LIBERTÀ. ANGELO COVA, UN PROFESSORE ANTIFASCISTA”

15 febbraio 2019

Venerdì 8 Febbraio 2019

Serata ricca di emozioni al Museo del Territorio Biellese, dov’è stato proiettato il docufilm “Il Prezzo della Libertà. Angelo Cova, un professore antifascista”.
In apertura gli interventi del presidente del Comitato provinciale biellese dell’Anpi Gianni Chiorino, dell’assessore alla Cultura di Biella Teresa Barresi, di Angelo Penna, nipote del professor Angelo Cova, e di Piergiorgio Clerici, regista del docufilm.
Un ringraziamento va all’Assessorato alla Cultura del Comune di Biella, che ha patrocinato l’evento, consentendo di raccontare anche qui la straordinaria vicenda di Angelo Cova, luminosa figura di antifascista.

 

 

 

 

 

 

8 FEBBRAIO 2019 – “IL PREZZO DELLA LIBERTÀ” AL MUSEO DEL TERRITORIO BIELLESE

3 febbraio 2019

Il Comitato Provinciale Biellese dell’A.N.P.I., in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Biella, ha il piacere di presentare – nell’ambito delle iniziative commemorative del Giorno della Memoria 2019 – il film “Il Prezzo della Libertà. Angelo Cova, un professore antifascista”, realizzato dalla Casa della Resistenza di Sala Biellese per la regia di Piergiorgio Clerici.

Oppositore del fascismo fin dagli anni Venti, Angelo Cova fu a lungo osteggiato dal regime prima di trovare impiego come insegnante a Biella. Tra i primi a partecipare alla formazione del movimento partigiano biellese, fu arrestato nel dicembre 1943 e deportato nel campo di sterminio di Mauthausen-Gusen, da dove fece ritorno nell’estate del 1945 ormai irrimediabilmente debilitato nel fisico.

Il film ricostruisce i tratti salienti della vicenda umana di Angelo Cova attraverso i ricordi della figlia Vittoria (1935) – integrati da ricerche d’archivio – e la preziosa testimonianza di Giulio Jona (1931), a cui nel dicembre 1943 la famiglia Cova offrì ospitalità e aiuto per sottrarsi alla persecuzione nazista contro gli ebrei.

Appuntamento VENERDÌ 8 FEBBRAIO alle ore 21:00 presso la Sala Convegni del Museo del Territorio Biellese (Chiostro di San Sebastiano – via Quintino Sella, 54) – Ingresso libero 

Info: 340 9687191 /museoresistenzasala@gmail.com

 

Vol8Febbraio

 

 

 

 

 

SABATO 2 FEBBRAIO 2019 – L’ITALIA CHE RESISTE

30 gennaio 2019

L'ItaliacheResiste

 

Il Coordinamento Biella Antifascista aderisce con convinzione e invita a partecipare alla manifestazione l’Italia che resiste che si terrà sabato 2 febbraio nelle piazze di tante città italiane, tra cui Biella.

Le ragioni della nostra adesione sono le stesse che ispirano tutte le nostre azioni: mobilitarci collettivamente per contrastare la disumanità imperante, ormai fattasi senso comune e principio di governo, che condanna migliaia di persone a morire nel mar Mediterraneo e vuole imporre norme e stili di vita reazionari ai vivi.

Dalla strage quotidiana di migranti in mare agli atti di violenza xenofoba e nazifascista sempre più frequenti nelle nostre città, dagli attacchi medioevali ai diritti delle donne alle norme liberticide del decreto sicurezza, le azioni compiute da questo governo e dai suoi scherani e il consenso che riscuotono tra la popolazione ci impongono di reagire pubblicamente ad ogni occasione utile.

La manifestazione di sabato è una di queste occasioni: un momento in cui ritrovarsi, fisicamente, in piazza, per scandire con forza e chiarezza che è ora di porre fine a questa barbarie.

Per l’apertura immediata dei porti, la creazione di un corridoio umanitario europeo, il ritiro delle norme patriarcali e liberticide.

sabato 2 febbraio :: dalle 15 davanti al Comune di Biella

Biella è antifascista ribelle solidale.