SALUTO A MARIO ZUMAGLINI “FUOCO”

28 giugno 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

Porto a Mario il saluto dell’ANPI, l’Associazione dei Partigiani di cui ha sempre fatto parte dalla fine della guerra.
Mario ha scelto di aderire alla Lotta di liberazione quando aveva appena 17 anni, con il nome di battaglia di “Fuoco” in un Distaccamento dell’ Intendenza. Il compito dei Partigiani di questi distaccamenti era quello procurare il cibo ai combattenti e farglielo avere negli alpeggi e ovunque si trovassero. Nei primi mesi della Resistenza questo accaparramento di viveri aveva
creato non pochi problemi con la popolazione, finché a metà del 1944 si crearono le Intendenze con il compito di dare una regolarità all’approvvigionamento dei rifornimenti. Questo fece migliorare notevolmente i rapporti con gli allevatori, con i contadini, con i commercianti, in quanto venivano rilasciati loro dei buoni e delle ricevute che sono poi stati tutti saldati con denaro contante dai Comandi zona.
Fuoco agiva all’interno della 2.a Brigata nelle zone collinari a noi vicine, al comando del suo distaccamento vi era “Incauto”. Andavano a prelevare le mucche nella pianura e nel Vercellese, rilasciavano il buono per il pagamento, e poi intraprendevano il lungo e pericoloso tragitto fino alle macellerie che collaboravano con i Partigiani. Da noi, la macelleria era a San Francesco, la frazione nei boschi di Pettinengo.
In una di queste spedizioni è stato catturato a Benna dai nazifascisti, e portato a Milano, da dove dopo alcune trattative è stato liberato. E’ venuto a casa col treno, il Biella- Milano, è sceso a Chiavazza e poi è venuto su. E’ ritornato nell’Intendenza, ed ha ripreso la sua attività, come prima dell’arresto.

L’aspetto che sempre sorprende noi che non abbiamo vissuto l’esperienza della Lotta di Liberazione è come quei venti mesi siano riusciti ad entrare nel profondo dell’animo di Partigiani e Staffette plasmandone gli atteggiamenti sociali e morali. La vita di Mario è stata lunga, è stata attraversata da momenti di dolore estremi, ed ha ancora subìto l’offesa della malattia che da anni lo costringeva all’immobilità.

Eppure Mario ha resistito a tutto il male, ed ha continuato a credere nei propri valori e nella propria fede politica.
Le vicende della vita a volte non ci consentono di stare vicino come vorremmo alle persone che hanno tracciato la strada della democrazia, che noi percorriamo spesso inconsapevoli di quanto sia costato realizzarla.

L’ultima volta che ho visto Mario è stato il 26 agosto del 2018, quando con altri ospiti del Soggiorno ha partecipato alla cerimonia per le case bruciate ai Giardini della Pace. Mi piace pensare che la Banda che suonava Bella ciao sia riuscita a regalargli un
momento di gioia.

Non ho avuto modo di chiederglielo, ma credo che come tanti altri combattenti come lui avesse il dubbio che tutto quello che ha fatto per riportare la Libertà in Italia sia stato inutile. Anche noi abbiamo tanti di questi dubbi, ma abbiamo anche una certezza: che se non ci fossero state persone come Mario questo paese sarebbe stato sicuramente peggiore, e senza la Costituzione che hanno scritto loro sulle montagne, nelle prigioni o sui buoni spesa saremmo in balìa di quel fascismo che anche se cambia aspetto rimane sostanzialmente lo stesso.

Per quanto ci hai dato, mentre ti salutiamo per l’ultimo tuo viaggio, ti diciamo: Grazie, Fuoco.

 

Zumaglia, 25 giugno 2020

Luciano Guala per ANPI Vallecervo e Provinciale

 

 

 

 

QUATTRO PASSI NELLA STORIA… DELLA RESISTENZA!

24 giugno 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

Quattro passi... nella Resistenza

Fino al 17 ottobre, ogni sabato dalle 14:30 alle 17:30, saranno organizzate visite guidate lungo il percorso (3,3km) del Museo Itinerante della Resistenza.

Per partecipare è obbligatoria l’iscrizione, da effettuarsi utilizzando i seguenti contatti:
Cellulare (dopo le 19:00) / WhatsApp (anche dalla pagina Facebook) 340 9687191 – Email museoresistenzasala@gmail.com
La quota di iscrizione è di €5 (1 bottiglietta d’acqua 0,5l + 1 conf. da due Torcetti di produzione locale + Mini Guida della Resistenza biellese)
Il numero massimo di partecipanti è fissato a 10

Itinerario:

Ritrovo/Partenza (ore 14:30): via Ottavio Rivetti 5 (Casa della Resistenza)
Via Roma: pannelli 21 e 6 (La salita in montagna/La popolazione)
Via A. Lamarmora: pannelli 12 e 3 (Le baite-Marincola/Radio Libertà)
Via per Andrate: pannelli 2 e 1 (Walter Fillak/Aviolanci)
Discesa attraverso il bosco al campo di lancio
Risalita su via per Andrate e rientro in paese
Via Pietro Micca: pannelli 4 e 5 (Don Tarabolo/La Costituzione)
Via Umberto I incrocio con Via Giovanni XXIII: pannello 22 (Battaglia di Sala) e lapide “Primula”, con accenno a don Cabrio
Via Umberto I: pannelli 8 e 19 (Comando partigiano/Missione Cherokee)
Via per Zubiena: pannello 9 (Eccidio di Santhià)
Via del cimitero/Via Q. Sella: pannello 20 (nomi di battaglia)
Via del cimitero/Piazza Gramsci: pannello 11 (Eccidio piazza Martiri)
Via Garibaldi incrocio con Via Q. Sella: pannello 10 (I rastrellamenti)
Via Garibaldi: pannello 13 (L’infermeria)
Arrivo alla Casa della Resistenza previsto per le ore 17:00

Al termine dell’escursione sarà possibile procedere alla visita della Casa della Resistenza, per la quale sono state adottate specifiche misure di prevenzione anti-contagio da Covid19 sulla base delle linee guida governative: per i visitatori vige l’obbligo di indossare mascherina e guanti durante la visita e di rispettare i percorsi separati di ingresso e uscita, con un tempo massimo di permanenza nel sito di 30 minuti

 

Nespolo: “L’ANPI sostiene le manifestazioni contro la repressione turca e per il riconoscimento dello Stato palestinese”

24 giugno 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

22 Giugno 2020

 

 

 

 

“La pioggia scrosciò violenta, scorrendo via rossa di sangue…”

7 giugno 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

Ricordato il massacro del 4 giugno 1944 a Biella

Le parole con le quali Cesarina Bracco ci raccontò il massacro di 76 anni fa ci tornano alla mente con ancor più vigore quest’anno, mentre col il Prefetto Dr.ssa Fabrizia Triolo, il Sindaco della Città Claudio Corradino, il Presidente Provinciale dell’A.N.P.I. Avv. Gianni Chiorino e i rappresentanti delle Sezioni dell’ANPI Biellesi e di Ivrea, ricordiamo i ventuno Partigiani uccisi dai nazifascisti.

Rispettosi delle regole imposte per ridurre il contagio, non abbiamo attraversato la città con la Banda in testa, ma ci siamo ritrovati davanti al monumento, mascherinati e distanziati, con le bandiere inzuppate di pioggia, e tanta voglia di portare i nostri corpi in piazza ad accompagnare le nostre idee.

Quest’anno per la prima volta non possiamo contare sulla presenza del testimone Sergio Boraine, che da una finestrella rotonda in fondo alla piazza vide l’orrore e ce lo raccontò ancora nel 2016. E non ci sarà nemmeno il decano ultracentenario degli Alpini Silvio Biasetti, che da poco è andato avanti, come dicono i suoi commilitoni. Ancora l’anno scorso ci onorarono della loro partecipazione, che arricchì la cerimonia con una forte componente emotiva. La lista delle persone care che ci mancano è molto lunga, complice la vigliaccheria del virus che si è scagliato contro le persone più anziane e fragili.

La deposizione della corona floreale e le note del Silenzio del Maestro Massimo Folli danno il via alla cerimonia.

Dopo il saluto del Sindaco, gli interventi necessariamente stringati per le condizioni climatiche: dapprima il Presidente Chiorino che sottolinea le parole del Presidente Sergio Mattarella pronunciate in occasione della Festa della Repubblica, che indicano nell’unità la vera forza morale di questo Paese. Nell’intervento di Andrea Favario a nome della Sezione Valle Elvo e Serra l’invito a vigilare affinché le restrizioni che sono state necessarie finora non intacchino i Diritti dei cittadini.

L’impegno comune è quello di poter ritornare il prossimo anno ad una commemorazione con corteo cittadino ed accompagnamento musicale.

La breve, intensa cerimonia, si chiude, stasera dovremo far asciugare le bandiere. L’acqua che scorre verso via Pietro Micca non è più rossiccia di sangue, ma leggere i nomi e l’età di quei Partigiani giovanissimi fa ancora rabbrividire. Per questo non dimenticheremo, e non perdoneremo mai chi ha commesso quel massacro e coloro che ancora oggi li giustificano e li esaltano.

Luciano Guala

 DSC00022 DSC00024 DSC00025 DSC00026 DSC00029 DSC00031

 

 

 

 

 

UN SALUTO E UNA PROMESSA

14 maggio 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

L’estremo saluto al Partigiano “Canaia”

La notizia della scomparsa del Partigiano Umberto Grandotto “Canaia” ci giunge quando per le restrizioni imposte dal contagio noi dell’A.N.P.I. non possiamo portargli di persona un saluto e stringerci intorno alla famiglia. Il suo legame con l’Associazione è sempre stato molto forte, come se fosse una seconda casa per tutta la sua vita, e non c’era cerimonia cui non partecipasse con la bandiera della Sezione di Ponderano.

La sua esperienza Partigiana inizia alla fine del 1943, nei giorni successivi alla rappresaglia nazifascista, compiuta dopo lo sciopero alla Filatura di Tollegno, ed alla prima azione dei Partigiani del “Bandiera” del 21 dicembre 1943. Lui abitava allora a Tollegno, e con una ventina di altri giovani del paese salì al Carameletto nelle prime bande di ribelli. Da lì attraversarono al Pratetto, dove li accolse un Antifascista con qualche anno in più di loro, che li istruì sulla clandestinità e la dura vita che li attendeva. Definì questo colloquio come “lo spiegone” che terminava con la frase: “… qui fino alla fine della guerra non si ritorna a casa, pensateci bene”. La risposta che dovevano dare era una di quelle che avrebbe segnato per sempre la vita di ciascuno di loro, sempre che non l’avessero persa prima sulle montagne. Canaia la racconta così, in tre parole: nui j’oma acetà, noi abbiamo accettato. Da lì è stato un susseguirsi di vicende che lo hanno visto protagonista, dalla lotta in montagna alla pianurizzazione della Resistenza. A poco più di un mese dalla fine della guerra, gli toccò la terribile esperienza di vedere uccidere a Ronco i Partigiani Bartolomero Beilis “Dui meter” e Novello Curino “Attila” catturati mentre tentavano di tagliare la linea telefonica, nella strada ora intitolata Via Libertà.Quel giorno Canaia era di pattuglia, era salito da Valsera (La Bau-sera, la chiamava così) con altri compagni, fra cui nominava sempre  Breda, di origine zingara. Quell’episodio lo legò indissolubilmente a questo paese, non vi è stata cerimonia, il 25 aprile o il 27 agosto in ricordo delle case bruciate, cui non abbia partecipato. Ogni volta, in preda all’emozione, sua ed ancor più nostra, ci diceva “verrò sempre qui, finché potrò farlo”. Ancora lo scorso anno, andati a trovarlo con Carla Moglia, Sindaca di Ronco, pochi giorni prima del 27 agosto, ci ringraziò con la consueta gentilezza e ci chiese di portare il suo saluto alla cerimonia.

Ora, nel momento in cui lo salutiamo, vogliamo ritornare a quella risposta che diede entrando nella lotta: J’oma acetà. Abbiamo accettato. È in questa estrema sintesi che si coglie il valore di una scelta che, allora, alla maggior parte della popolazione appariva improponibile. Di fronte a queste parole è un bell’esercizio quello di interrogarsi su cosa avremmo risposto noi. Che  sappiamo che se le persone come Canaia non avessero creduto nell’impossibile, la Democrazia, la Libertà, la Repubblica italiana continuerebbero ad essere considerati irrealizzabili. E quell’alta idea di stare insieme in pace non si sarebbe mai trasformata dal sogno di pochi in una Costituzione a difesa di tutti. Anche di quelli che continuamente cercano di modificarla. In peggio, vista la levatura dei personaggi.

Canaia, ci dicevi cha bisogna “Ten-i da menta” (ricordarsi). Noi, che non abbiamo la tua tempra, almeno questa promessa di non dimenticarci siamo in grado di fartela, mentre ti ringraziamo in questo triste momento per la tua famiglia, che abbracciamo da lontano, per il paese di Ronco, per l’A.N.P.I. e per tutti gli antifascisti.

 

Per il Comitato provinciale biellese A.N.P.I.

Luciano Guala

foto Canaia

 

 

 

 

 

“Contro Silvia Romano attacchi razzisti, ma soprattutto sessisti”

14 maggio 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

 

 

 

 

25 APRILE 2020: LE IMMAGINI DELLE COMMEMORAZIONI NEL BIELLESE

26 aprile 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Collage Coord. antifascista BIELLA-CHIAVAZZA

Collage Coord. antifascista MASSERANO

Collage Coord. antifascista VALLECERVO

Collage BASSO BIELLESE aggiornato

Collage CANDELO

Collage DONATO LACE

Collage VALSESSERA aggiornato

Collage BIELLA

Collage VALLECERVO

Collage COSSATESE ROASIO

Collage VALSESSERA

Collage SALA B.se

 

 

 

 

 

 

25 APRILE 2020 – QUEST’ANNO NON POTREMO SCENDERE IN PIAZZA MA NON CI FERMEREMO

22 aprile 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

Quest’anno celebreremo una Festa della Liberazione diversa dal solito, per la situazione che sta vivendo il nostro Paese dovuta al contagio del Covid-19.

Alla drammatica conta dei decessi e dei contagiati di oggi si aggiungeranno, è facile prevedere, gli effetti della perdita del lavoro e della produzione, e una crescita della povertà in ampi strati della popolazione che fanno presagire una ripresa molto lenta a condizioni di vita migliori.

La celebrazione del 25 Aprile non potrà essere pubblica in seguito alla disposizione della Presidenza del Consiglio dei Ministri che prevede che la deposizione delle corone ai monumenti dei Caduti debba essere compiuta dal solo Sindaco, senza altre autorità e senza pubblico per evitare assembramenti.

Il Comitato Provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia auspica che la deposizione delle corone ai monumenti e dei fiori alle lapidi dei Partigiani e Civili uccisi avvenga in ogni Comune, come da consolidato atto dovuto di omaggio a chi ha fondato la Repubblica e la sua Costituzione.

Comunque dobbiamo celebrare la Liberazione: non solo come atto di memoria, ma soprattutto come monito per la difesa della nostra libertà.

La manifestazione di quest’anno sarà nazionale e sarà online, pertanto aderiamo all’evento organizzato da ANPI nazionale che si svolgerà in streaming: sabato 25 aprile, alle ore 15:00 – l’ora in cui da tradizione partiva a Milano il Corteo nazionale – ANPI invita ad esporre la bandiera tricolore e ad affacciarsi ai balconi per cantare Bella ciao.

Facciamo nostro l’appello #iorestolibero e invitiamo tutti gli antifascisti ad attivarsi connettendosi a https://www.25aprile2020.it/ e a trovare altre forme creative per festeggiare in modo virtuale il 75.mo anniversario della Festa della Liberazione, che rimane col suo significato anche se ora assume su di sè il senso di dar vita ad una Rinascita del Paese.

 

Ora e sempre Resistenza! 

MANIFESTO_25_APRILE_NESPOLO.jpg.742x742_q85Bella_ciao_in_ogni_casa_FB.jpg.742x742_q85

 

 

 

 

 

25 APRILE 2020 – IL 75^ ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE A SALA BIELLESE

19 aprile 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

25 APRILE 2020
75^ ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE

“Per Sala una festa ricordata da 74 anni, ininterrottamente, dalle amministrazioni comunali in collaborazione con la locale sezione dell’A.N.P.I.

Causa corona-virus purtroppo non sarà svolta la cerimonia al Monumento dei Caduti ma alle ore 10:00 il Sindaco depositerà la corona d’allora con gonfalone comunale e gagliardetto A.N.P.I.

Pertanto vi invito ad una settimana di riflessioni, in ricordo del sacrificio perpetrato da partigiani, staffette, giovani che scelsero da che parte stare per garantirci democrazia e libertà, quella a noi oggi vietata da un virus.

Viva la Resistenza, viva la Liberazione e Sala Alè!”

Roberto Blotto, sindaco di Sala Biellese Paese della Resistenza

MANIFESTO_25_APRILE_NESPOLO.jpg.742x742_q85

 

 

 

 

Nespolo: “I partigiani lottarono per rinascere così come noi stiamo facendo oggi”

9 aprile 2020 di A.N.P.I. Biella Nessun commento »

La Presidente nazionale ANPI, Carla Nespolo, intervistata da repubblica.it sul 25 APRILE

La presidente dell’Associazione partigiani, visto il divieto di assembramento, lancia un flash mob invitando a cantare Bella Ciao dai balconi. E aderisce all’appello “#io resto libero”

 

Carla Nespolo è la presidente dell’associazione dei partigiani. Di Alessandria, 77 anni, ex parlamentare del Pci e del Pds, è la prima donna a guidarla e la prima a non avere direttamente preso parte alla Resistenza. Presidente Nespolo, la  piazza e i cortei dell’Anpi per il 25 aprile sono diventati quest’anno un’altra cosa. L’Anpi ha passato la mano?
“La situazione è condizionata dall’emergenza coronavirus. Non possiamo fare assembramenti, non possiamo andare in piazza. Se però non c’è fisicamente la nostra presenza collettiva, ci sono ugualmente i nostri cuori partigiani e antifascisti. Questa è una sfida e un impegno per tutti: nonostante la “separazione”, resta la grande comunione di valori e di speranze. Prima di tutto quindi, voglio ribadire che il prossimo 25 aprile non ci saranno assembramenti: tutti lo devono sapere e rispettare, perché è nell’interesse della salute pubblica”.

Come si svolgerà quindi il 75° anniversario della Festa della Liberazione nel 2020 dell’emergenza sanitaria?
“Intanto davanti ai più importanti monumenti della Resistenza un fiore o un fazzoletto partigiano ci saranno. E parleranno per tutti. Vorremmo che il presidente di ogni sezione Anpi con ciascun sindaco o un altro rappresentante delle istituzioni, due persone al massimo, facessero questo omaggio”.

E nessuna celebrazione popolare?
“Chiediamo che alle 15 del 25 aprile da ogni balcone antifascista si cali una bandiera dell’Anpi e una dell’Italia e si canti “Bella ciao”. Non possiamo scendere in strada, ma possiamo cantare dalle nostre case, suonare, recitare, unire le nostre voci. E insieme alle voci fare sentire la nostra riconoscenza verso chi ha sacrificato tanto per darci la libertà e la Costituzione repubblicana. Che sia un impegno per l’oggi e per il futuro. I partigiani lottarono per rinascere così come noi stiamo facendo oggi. E ci salveremo tutti insieme se sapremo stare tutti insieme”.

Lei è tra i promotori dell’appello 25aprile2020#iorestolibero con diretta streaming e iniziative dalla grande piazza virtuale, firmato da molte personalità da Eugenio Scalfari a Gustavo Zagrebelsky, da Vasco Rossi a Ferruccio de Bortoli, a cui si acompagna una raccolta fondi per Caritas e Croce Rossa.
“Una bellissima idea. Sono 1.400 i firmatari e molti altri mi auguro se ne aggiungeranno, si uniranno a noi, di diversa opinione politica, esperienza sociale ed età. Tutti a difesa della Costituzione e per onorare il 75° anniversario della lotta di Liberazione e, con le donazioni, per guardare a chi ha meno, è più a disagio e ha più difficoltà a vivere. Perché c’è una emergenza sanitaria e una emergenza sociale. Come Anpi siamo contenti di essere parte di questo progetto e ci auguriamo che sia sostenuto con almeno due euro da tantissimi”.

Sarà anche per un giorno una spallata alla solitudine del confinamento da coronavirus?
“Certo. Un insegnamento che ci viene dalla lotta partigiana, e che più che mai vale in questo straordinario 25 aprile, è che libertà e giustizia sociale camminano insieme. E’ fondamentale oggi che – mentre ringraziamo medici e operatori sanitari per la battaglia e il sacrificio che stanno sostenendo –riconosciamo la grande importanza del servizio sanitario nazionale pubblico. E’ un bene prezioso che va salvaguardato e potenziato. Perciò tante sezioni Anpi stanno donando al servizio sanitario”.

E’ anche un momento di riscoperta questo?
“E’ una grande prova morale quella che ci aspetta e che stiamo vivendo. In questa società che sembrava correre il rischio del razzismo e dell’egoismo, invece tra le persone si stanno trovando filoni di solidarietà. Lo slogan iorestoacasa va considerato una sfida per trovarsi domani in una diversa e più alta socialità”.

Non vede pericoli per il “dopo”?
“L’attenzione deve essere a non deviare dalla strada tracciata dalla Costituzione che ci consente di affrontare anche le più gravi emergenze, senza abbandonare le regole democratiche. Le istituzioni tutte devono funzionare sempre e al meglio. Ciascuno in questa vicenda sta portando tanto della propria umanità e moralità. Vorrei ringraziare l’artista Ugo Nespolo  che ha donato un bellissimo manifesto su cui è impressa la parola-chiave: Rinascere. Oggi come allora”.

Tra i promotori dell’appello per la Liberazione non c’è nessuna organizzazione politica. E’ un segnale?
“L’appello è promosso da persone. Note, meno note, non ci sono organizzazioni, né sigle. Con una eccezione. La parola “partigiano” accanto ai nomi dei partigiani, da Lidia Menapace a Aldo Tortorella a Carlo Smuraglia e tanti altri”.

Una popolazione di anziani è stata martoriata dal coronavirus.
“Un grande dolore. Ho apprezzato il presidente Mattarella anche sul tema del rispetto degli anziani e del valore della memoria. Senza cura e rispetto degli anziani un paese priva se stesso della memoria, della propria storia e del futuro”.